Category ArchiveCuriosità

Escort, il piacere arriva da “Venere”

Escort incontri.

Si dice che gli uomini vengano da Marte e le donne da Venere. Forse si tratta davvero di due mondi diversi, due universi paralleli che ogni tanto si incontrano o si scontrano, spesso piacevolmente.

Cos’è veramente il piacere?

La Treccani recita: Senso di viva soddisfazione che deriva dall’appagamento di desideri, fisici o spirituali.

Vero. Ma se ci impegniamo a riflettere bene possiamo notare delle piccole sfumature che, come dire, anticipano o completano il piacere.

Facciamo un esempio pratico:

Prima uscita ufficiale con la ragazza o il ragazzo appena conosciuto/a e per cui proviamo già un sentimento profondo.

L’appagamento del desiderio di uscire a cena o di andare al cinema non è forse pari al piacere che si prova nei momenti che precedono l’incontro?

La vestizione, la ricercatezza del particolare che possa renderci più desiderabili, la scelta del profumo etc… Non sono forse momenti di pura felicità, di piacere?

Perfino quell’ ansia accompagnata da batticuore a mille non è forse piacevole? Si, è piacere allo stesso modo.

Vi sono molte tipologie di piacere: una, per esempio, è quando andiamo allo stadio a vedere la nostra squadra del cuore. Non è bellissimo tutto ciò che precede il fischio di inizio?

L’avvicinamento allo stadio, i cori, i colori, anche il panino con la salamella diventa un piacere che ci accompagna verso la partita.

Ma nulla vale il piacere di un incontro. Un incontro speciale, un momento dedicato a noi stessi, partendo dalla semplice telefonata ad una ragazza, sicuramente bellissima, magari vista su qualche sito di annunci fotografici, meglio se su arcaton, un momento da dedicare a noi stessi con una splendida escort su cui, vedendo le fotografie, abbiamo fantasticato in tutti i modi.

Non proviamo un senso di piacere profondo quando si materializza la voce al telefono? Piacere, gioia ed emozione.

E poi la voglia di vedere se quella persona che ci apparirà davanti sarà proprio come l’abbiamo vista in foto, come l’abbiamo immaginata nella nostra testa e la voglia di realizzare la nostra fantasia.

Piacere. Piacere allo stato puro.

L’uomo da sempre ha cercato di dare un significato alle parole e di usare parole per definire concetti o stati d’animo. E’ giusto, ma non sempre si riesce ad esprimere con poche parole quelli che sono i desideri, le emozioni o le aspettative che proviamo.

Ognuno dovrebbe cercare di dare più spazio a tutto ciò che contorna i bei momenti (il piacere appunto) rendendoli più intensi e vividi.

Accompagnare il ricordo, ad esempio di una serata, una cena perfetta, una buona compagnia, varrà molto di più se ci sforzeremo di ricordare se al convivio erano presenti persone che ci hanno fatto stare bene e quindi raddoppiando il piacere di ciò che abbiamo gustato.

Anche il ricordo di un buon vino sarà più intenso se riusciremo a ricordarne anche il profumo e non solo il gusto

Sforziamoci quindi di dare ai nostri “piaceri” una cornice degna di essi.

Ne godremo molto di più

Marte e Venere sono sì due mondi differenti, ma insieme raggiungono il loro apice di piacere, si completano a vicenda, giocano e si divertono.

E’ il nesso della vita stessa.

Share

Escort sensuali e provocanti, le fotografie online

Succede quando si guarda di sfuggita una foto.

Una foto provocante e sensuale, non pornografica, ma sicuramente molto erotica.

Non si tratta di scatti fatti da famosi fotografi, come Jeanloup Sieff o Helmut Newton, che con le loro fotografie sono stati rivoluzionari, dando alla comunicazione spinta del fashion system un contributo importante, ma si tratta di fotografie attraenti e sofisticate con un che di artistico, anche se non si vedono sulle pagine patinate delle riviste di moda, ma sui siti di incontri online.

Arcatoncon la sua impaginazione raffinata, elegante e mai volgare, mette in risalto una carrellata di annunci fotografici di ragazze bellissime. Escort con servizi fotografici professionali molto curati e seducenti. Lingerie, Babydoll, Reggicalze, Coulotte, tacchi a spillo, un abbigliamento sofisticato, mai banale.

Un visitatore del sito ci ha scritto un suo commento su di una foto che lo ha colpito piacevolmente, raccontandoci quest’aneddoto:

Vidi questa foto di sfuggita, la ragazza in intimo nero e calze velate con tacchi altissimi aveva una sigaretta in mano e soffiava uno sbuffo di fumo sul viso di un uomo e mi colpì moltissimo, tanto da chiedere a mia moglie, la stessa sera, di replicare quel momento. Purtroppo la sua risposta fu negativa e alquanto scocciata. Nulla da fare.

Mi tenni il desiderio fino a quando, con un pò di coraggio, non presi il telefono e chiamai la ragazza delle immagini realizzando cosi la mia fantasia. Perversione? Forse, ma era diventato, per me, un ardente desiderio da realizzare, che mi ha fatto solo bene.

La complicità nella coppia è parte della coppia stessa. Se la vostra Lei o il vostro Lui non la vede nella stessa maniera c’è sempre la fortuna e la possibilità di visitare i siti di annunci online.

Share

Sex Toys, i più strani al mondo

Sex Toys. Esistono da sempre e da sempre sono un intrattenimento sessuale molto apprezzato ed adoperato, anche se fino a qualche tempo fa si faceva fatica a parlarne, per pudore e perchè si rischiava di essere additate come ragazze di facili costumi…

Vi sono Sex Toys di tutti i tipi, molti anche ridicoli, ma che possono diventare divertenti giochi da proporre come regalo ad un amico particolarmente burlone; altri, invece, sono oggetti realmente utilizzabili e che vengono comprati da moltissime donne: si tratta di sex toys, la cui varietà e utilità è spesso ignorata da chi è meno avezzo a questo tipo di intrattenimento.

Quali sono i sex toys più “particolari” sul mercato

I giocattoli per adulti, secondo un’indagine di mercato, sono richiesti da tutti,  dai giovani e meno giovani. In rete molti siti propongono Toys per tutti i gusti, di tutti i modelli e dimensioni; qui di seguito una carrellata dei più bizzarri che sono presenti in rete: alcuni vi faranno rimanere letteralmente a bocca aperta per l’ inventiva e la  fantasia con cui sono stati creati!

Bambole gonfiabili: la nuova generazione

La bambola gonfiabile non è di certo una novità in questo ambito. Va però doverosamente citata in quanto quelle di nuova generazione sono sicuramente degne di nota. Un esempio su tutti è Samantha, una sorta di vero e proprio robot interattivo, che si concede solo dopo un lungo corteggiamento. Il suo prezzo? Variabile: a seconda degli optional può arrivare a costare anche 8,000 euro.

Dildo che passione!

Se c’è un sex toy che si presta a personalizzazioni divertenti è il Dildo. In questo campo si può trovare davvero di tutto: se qualche anno fa negli States faceva faville il vibratore a forma di Obama, esistono anche dildo brandizzati Hello Kitty, quelli “intelligenti” (che imparano il ritmo preferito dall’utente), quello con lettore mp3 incorporato…
Nonostante le funzioni siano praticamente sempre le stesse, il mercato sforna sempre nuovi modelli capaci di soddisfare anche le donne più esigenti.

Divertenti, utili per qualche scherzo… ma qualcuno li usa seriamente?

A questo punto andiamo verso l’assurdo e oltre: esistono alcuni oggetti di piacere piuttosto inverosimili che strappano più di un sorriso. Eppure sono sul mercato e a quanto pare vengono acquistati! Se poi siano realmente utilizzati o vengano solamente impiegati come regali divertenti o scherzi, rimane un mistero…

  • Pecora gonfiabile: articolo adatto per uno scherzo o un addio al celibato, ma usato dagli uomini anche in privato. In rete si trovano facilmente delle recensioni, che possono davvero stupire.
  • Glow n dark pussy snirkel: si tratta di un boccaglio per praticare sesso orale senza rischiare di rimanere senza fiato; l’accessorio si illumina al buio.
  • Paperella vibratore:  ormai diventato un classico, si può trovare spesso nel bagno dell’amica, non desta sospetto ed è un’ apprezzata compagna nella vasca.

A noi piace pensare che i Sex Toys siano un divertente, stravagante, ma anche un utile modo per raggiungere il piacere e che accendono la fantasia in camera da letto e rendono lieti i momenti da vivere in coppia o in solitudine, dedicando a se stessi e al proprio piacere il giusto tempo.

Share

Donna, lingerie ed erotismo, femme fatale

Perchè non chiedere ad una escort?

Spesso e volentieri, quando si avvicina un’occasione particolare, un uomo non sa cosa regalare alla propria donna, alla propria partner.

Si pensa ad un gioiello, ma è costoso e adatto ad occasioni speciali; si può pensare ad un capo di abbigliamento, ma si ha quasi la certezza di sbagliare il modello, il colore o la taglia… lo dovrebbe provare, ma non ci sarebbe il fattore sorpresa.

Un’idea: un bel mazzo di fiori? Bello sforzo di fantasia e dopo pochi giorni, appassendo, dovreste trasferirli nell’umido!

Tutte le idee lasciano il tempo che trovano, sono troppo banali e non ci convincono fino in fondo.

A noi è venuta un’altra idea: perché non chiamare una escort di Milano (noi siamo di Milano)?

Si possono fare due chiacchere in tranquillità, carpire qualche segreto (naturalmente la buona compagnia è anche gradita, dopo tutto le escort sanno bene come far spendere ad un uomo).

Su www.arcaton.com ci sono tantissime ragazze bellissime, donne sensuali e affascinanti per tutte le esigenze, che, oltre a farci rilassare e divertire, possono darci un buon consiglio sul regalo da fare ad una donna.

Dando per scontato che un gioiello è per sempre, ma non per noi, che le borsette sono troppo personali, le donne al loro interno sanno usare gli spazi in modo creativo, ma preferiscono scegliersele da sole, manici lunghi o corti, bauletto o sacca, cosa scegliere allora? Lingerie.

Già, con la lingerie non si può sbagliare, in fondo è a noi che deve piacere e anche se dovesse andare un pochino grande o leggermente stretta non gliela si lascia addosso per molto tempo.

Chi non vorrebbe vedere la propria donna in camera da letto con un abbigliamento sexy? L’atmosfera si scalda anche così e si rigenera la mente e la fantasia.

Autoreggenti, mutandine trasparenti di finissima seta, reggiseno a balconcino, pizzo, ricamo, tacchi alti e lasciandosi prendere dalla perversione si può andare sulle divise da infermiera o da poliziotta, da cameriera o da chi volete voi.

L’erotismo è molto importante e per la coppia, ha una funzione vitale.

Se poi la propria compagna non dovesse essere per la quale, nessun problema, la escort che vi ha dato il consiglio sarà sempre contenta e disponibile di rivedervi e di accettare un pensiero molto, molto spontaneo.

Share

Massaggi, coccole e relax a Milano

Ricevere un massaggio tra coccole e relax fatto da mani esperte è un piacere per il corpo, un piacere rilassante e tonificante.

Oltre alle centinaia di centri massaggi, generalmente con all’interno ragazze orientali, molte massaggiatrici italiane si fanno  pubblicità sui siti di escort. Gli annunci fotografici di massaggiatrici abili e professionali sono corredati di numeri telefonici per prendere un appuntamento, per trascorrere in totale relax e riservatezza un momento di assoluto piacere sensoriale.

Nell’arte del massaggio la filosofia orientale considera molto importante il rito del bagno, da vivere come una vera e propria cerimonia del piacere, un’intimità con se stessi che deve essere assaporata con calma e tranquillità.

Nel Tantra, che in sanscrito significa “ordito”,  si consiglia di mettere in acqua dei petali di rosa,  immergendosi nella vasca da bagno e accendendo delle candele per creare un’atmosfera erotica e rilassante.

per provare intensamente il piacere, bisogna entrare in confidenza con il proprio corpo, lasciare andare via lo stress, e concentrarsi sui muscoli indolenziti come se voleste “guarirli” e poi, oli profumati e spugne morbide per lenire il corpo stanco.

Fatevi accarezzare la pelle con le mani e con le dita, cosi da poter percepire sul proprio corpo il tocco leggero e delicato, si può rinascere sentendo sul proprio corpo il soffice e sensuale passaggio di mani esperte.

Nella vasca da bagno e sempre preferibile entrarci in due, lasciatevi massaggiare e massaggiate, il/la vostra partner avrà lo stesso piacere che percepirete voi.

Condividere questi momenti che d’ora in poi dedicherete solo a voi stessi è un puro piacere e se vi sentite un pò trasgressivi condividete l’asciugamano.

Un piacevole momento che si può vivere con naturalezza, soprattutto all’interno della coppia, giocando e lasciandosi trasportare dal sentimento e dal desiderio.

Un piacevole momento di coccole e relax dedicato al proprio fisico per ripristinare il giusto equilibrio fra corpo e mente.

Share

BDSM: la nuova frontiera del fetish

BDSM: Quale è la fantasia sessuale Fetish più richiesta dagli uomini italiani?

Il feticismo è una fantasia che alcune persone sviluppano nei confronti di un oggetto inanimato o nei confronti di una parte del corpo. Il feticista si eccita accarezzandolo e tenendolo tra le mani, annusando o leccando l’oggetto dei suoi desideri.

Alcuni oggetti, classici, che fanno parte del feticismo sono i tacchi alti, gli stivali, le calze a rete o gli indumenti in lattice, pelle o vinile. Tra le parti del corpo un’importanza particolare e riservata al piede femminile.

Nella foto la modella fetish Aria Giovanni si esibisce in una performance di Water Bondage.

Si tratta di una nuova frontiera di sadismo e bondage che prende spunto dalla medioevale tortura dell’acqua quando al condannato venivano fatti ingoiare litri e litri d’acqua, facendogli provare l’effetto dell’annegamento-qui in chiave più soft e sicura che offre al panorama bondage una svolta inaspettata.

Alcune escort in Italia praticano l’adtre del BDSM e del Fetish, molti siti internet con annunci fotografici le ritraggono in studi attrezzati e sicuri.

Per tutte queste pratiche valgono le regole del consenso e della sicurezza. Se volete provarci un sito dove alcune escort professioniste del settore è arcaton.com. Nei loro annunci si offrono esaurienti spiegazioni nonchè una bella galleria di immagini a tema decisamente hot.

Share

Coppie: quando si spegne la passione

Perchè la passione si spegne?

Sembrerebbe che le cause che spengono la passione nella coppia siano la routine e l’abitudine che si crea fra due partner, destinata, nel tempo, purtroppo ad affievolirsi lasciando il posto alla noia. Secondo il Dailymail, questa non sarebbe neanche una situazione così poco comune.

Perchè le escort possono essere un buon rimedio per ritrovare la passione?

Da uno studio effettuato su oltre 3.000 coppie si è riusciti a dimostrare come l’affiatamento e la complicità sotto le lenzuola siano presto destinate ad essere solo vaghi ricordi.

Oltre il 60% delle coppie adulte intervistate ha affermato che la relazione farebbe acqua da ogni parte e il 40% starebbe addirittura pensando di lasciare l’attuale partner.

Una situazione davvero imbarazzante, tanto che le coppie intervistate avrebbero dato una scarsa sufficienza alla propria vita di coppia, un malessere che avrebbe tra le cause principali un atteggiamento meno attento nei confronti del partner o la scarsa capacità, da parte di entrambi, di voler porre rimedio alle spiacevoli situazioni che oggi la coppia affronta.

Importante anche la sfera sessuale, dove il 46% delle coppie intervistate vorrebbero il loro partner più focoso e attento alle loro esigenze introducendo magari anche un po di follia.

Il 75% delle coppie invece sembra vivere di ricordi: i bei momenti di passione e trasporto infatti, sarebbero calati in quantità e qualità rispetto all’inizio della relazione, quando la voglia di concedersi all’altro era ancora forte e ricca di sorprese.

I motivi? Tra i più quotati vi sono la mancanza di dialogo, la noia della routine e una scarsa attenzione generale ai bisogni dell’altro.

Il 18% delle coppie, nel tentativo di riaccendere la fiamma della passione, si rivolge a siti di accompagnatrici o escort, ragazze che con la loro capacità ed esperienza sono in grado di rinvigorire la fantasia sotto le lenzuola coniugali, anche senza partecipare all’atto fisico.

 

Share

Fenomeno escort a Milano, ecco il dietro le quinte

E’ stata Erjona Sulejmani a sollevare la questione diversi mesi addietro ponendo l’accento su un tema di cui spesso si parla poco: Escort.

L’ex moglie del centrocampista elvetico Blerim Dzemaili con le sue dichiarazioni ha sollevato però un vespaio di polemiche. Ha infatti espresso un giudizio piuttosto critico sugli aspetti più licenziosi del mondo del calcio. Evidentemente il suo sfogo è legato alla separazione dal marito, ma ha acceso i riflettori su un mondo intero.

Escort a Milano: il dietro le quinte

L’ex wag ha raccontato il dietro le quinte pallonaro senza omettere i particolari più imbarazzanti, piccanti e morbosi. La sua intervista non è passata affatto inosservata. Anzi ha accresciuto la curiosità che va oltre alla passione dei tifosi. L’ex moglie del giocatore svizzero ha messo in imbarazzo non solo il calciatore ma anche tutta quella vita mondana che c’è dietro al mondo del pallone e dei vip in generale. Tra escort e bottiglie di champagne, tra balli sfrenati in discoteca e auto di lusso. L’albanese ha spostato l’attenzione dalla VAR e dai trofei da vincere alle conquiste notturne dei vip. Del resto gli italiani amano tante cose, tra queste il gossip ed Erjona Sulejmani ha dato pubblicamente in pasto alla pubblica opinione un argomento davvero scottante.

La trasmissione “Le Capitane” ha visto protagonista l’affascinante modella albanese tornata sola dopo la rottura del rapporto con il marito. Erjona si è espressa in totale libertà descrivendo le abitudini di alcuni calciatori ed i rapporti con compagne, mogli e fidanzate. Il sesso fuori dalla relazione sentimentale, il mondo delle escort che accompagna quello del pallone. Feste e lusso sfrenato.

Più gli uomini sono ricchi più si accompagnano con le escort. E’ l’equazione proporzionale fatta dall’ex moglie di Dzemaili. Per la modella albanese si vive in una società in cui girano tanti soldi e ci sono anche belle ragazze che ruotano intorno ai calciatori, uomini belli e ricchi. Non tutti i calciatori sono uguali – per stessa ammissione di Erjona – per indole e tendenze. Difficile separare però il mondo delle accompagnatrici di lusso da quello del calcio, della televisione, dell’alta finanza, in pratica di Milano.

Soldi, successo e sesso. Spesso segnano le vite delle star dello spettacolo e dello sport. Questo vale anche per il mondo dei calciatori. Per Erjona molti vivono anche a Milano, che “è diventata la città delle escort”. Un’affermazione che ha indignato alcuni, ma che in realtà non ha fatto altro che porre l’attenzione soltanto su un fenomeno consolidato. Nel capoluogo lombardo operano tantissime escort sia italiane sia straniere. Questa industria del sesso è alimentata dal benessere largamente diffuso.

Chi sono le escort

Chi sono le donne che esercitano la professione di escort a Milano e in altre realtà? Che vita hanno, come la pensano? Perchè lo fanno? Per rispondere a queste domande basta leggere tante storie raccontate in tv, per radio, sui giornali e sul web. Molto interessante è la storia di Maddalena, italiana, escort di 23 anni. Una bella ragazza con occhi scuri, mora, 170 centimetri, fisico da personaggio televisivo. La ventenne si reclamizza sui alcuni importi siti del settore escort. Ha scelto di raccontare la propria storia a Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio, conduttori del format ECG su Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano.

“Ho iniziato per gioco poco prima di finire il liceo classico. Nell’estate precedente avevo fatto la cameriera e la barista. Il datore di lavoro ogni tanto mi toccava il sedere, mi faceva continue battutine, mi diceva che se mi fossi messa con lui mi avrebbe fatto ricca, mi avrebbe fatto star bene. Ma era brutto, pesante, così me ne sono andata, mi sono licenziata. L’anno successivo, per mettere da parte un po’ di soldi in vista dell’università, giocando insieme ad una mia amica ho messo un annuncio sul giornale. Dopo poche ore è arrivata la prima telefonata. Siamo andate in coppia, non sapevamo nemmeno quanto chiedere. Alla fine abbiamo preso 200 euro per due ore in due. Praticamente niente. Per lei l’esperienza fu traumatica, ha smesso subito. Per me non più di tanto. Così ho continuato. Per mettere dei soldi da parte, essere indipendente, pagarmi gli studi senza pesare sulla mia famiglia”.

Una ragazza normale. Maddalena fa la escort e ha i suoi sogni nel cassetto. Frequenta l’Università. “Gli studi proseguono, tra un anno se tutto va bene dovrei laurearmi in economia e commercio. Ho una media alta, studiare mi piace, ma non credo che smetterò di fare la escort quando finirò l’Università. Fare questo lavoro mi piace, il gusto del proibito mi eccita, mi piace essere la trasgressione di uomini facoltosi che pagano un sacco di soldi per passare del tempo con me. Sono un lusso, una cosa bella e costosissima, un regalo solo per pochi eletti. Nell’ultimo anno ho guadagnato più di 200.000 euro, se voglio una cosa me la compro, tra pochi giorni mi arriverà un’automobile cabriolet da 40.000 euro, con quale altra professione potrei permettermi questo tenore di vita?” E’ quanto ammette la ragazza. “Lavoro in tutta Italia, faccio dei tour da nord a sud, per incontrarmi ci sono uomini che mi chiamano anche con una settimana d’anticipo. Per un’ora chiedo 600 euro, il sesso, anche quello orale, è rigorosamente protetto, perché ci tengo alla mia salute. Ma essere giovane, bella e italiana mi autorizza a chiedere di più rispetto a molte altre ragazze che fanno il mio stesso mestiere”.

La ragazza si dice contraria alla regolarizzazione. “I quartieri a luci rosse o le case chiuse toglierebbero il fascino del proibito a chi cerca certe avventure. E poi dovrei aprire la partita Iva e a quel punto non potrei più nascondermi. Che faccio, emetto fattura come escort? Mi pare improbabile”. La storia di Maddalena è uno dei tanti esempi di lavoratrice del sesso. Sono entrate quasi per gioco e poi sono rimaste a praticare uno dei mestieri più antichi del mondo. C’è quindi chi inizia e lo fa per un breve periodo, chi invece prosegue. Impossibile continuare a negare qualcosa che c’è ed è più diffuso di quanto si possa immaginare

Share

“Nessuno si aspetta di vedermi nei panni di una escort”

Escort e donne a teatro

Il teatro porta in scena storie di escort di lusso. Il mondo delle accompagnatrici vive nella commedia, sui grandi palcoscenici tra ironia ed approfondimento sociale. “È una bella sfida. Nessuno si aspetta di vedermi nei panni di escort. Per molti obbedisco allo stereotipo della bionda elegante, un pò distaccata, ma io dentro mi sento una scugnizza. Questa è l’occasione per dare un’immagine diversa”. Sono le parole di Serena Autieri. L’avvenente e talentuosa attrice è interprete da giovedì di “Ingresso indipendente”, al teatro Ambra Jovinelli di Roma. Al suo fianco Tosca D’Aquino. La commedia è basata sugli equivoci ed è scritta dal giallista Maurizio de Giovanni, autore tra gli altri dei Bastardi di Pizzofalcone, su Rai1. La trama è davvero inedita anche per lui. La regia e le musiche sono di Vincenzo Incenzo.

“Le donne non hanno più nulla da dimostrare” sottolinea l’attrice che racconta alla stampa il suo personaggio. “La pièce è leggera, ma Maurizio scava nella psicologia dei personaggi abilmente. Le escort hanno cambiato denominazione, oggi si dice piuttosto mantenute” osserva Serana Autieri.

“Il mio personaggio, Rosalba – racconta – ha un diploma da logopedista, che butta via per scegliere la via più facile. È legata all’attualità: ancora adesso alcune donne cercano la scorciatoia. E succede anche nella realtà che un uomo vada con un’escort senza lasciare la moglie. Ma poi lei si rende conto di aver sbagliato, e riprende fra le mani la sua vita. Perché oggi le donne non hanno nulla da dimostrare a nessuno. Ci dividiamo fra la casa, la famiglia, il lavoro con un’abilità di cui noi sole siamo capaci!”.

Sesso e potere

L’artista viene interrogata anche sul tema delle molestie nel mondo dello spettacolo. “Non sono certo l’unica a non avere accettato proposte indecenti. Ma ognuna di noi deve capire quand’è il momento di dire no. Io sono dell’idea che bisogna rimboccarsi le maniche e faticare tanto. Non esiste altro modo”. Dopo la commedia musicale, il popolare volto tv ha deciso di svoltare. Dopo Vacanze romane, Lady Diana, Rosso napoletano, La sciantosa, approda al teatro di prosa. “Un lavoro come questo con Tosca D’Aquino regala maggiore libertà, ma ho tante passioni e possono coesistere. È l’insegnamento che trasmetto a mia figlia di cinque anni, Giulia Tosca: con lei e mio marito combattiamo insieme, insieme facciamo scelte coraggiose. L’esempio conta moltissimo. Non sono d’accordo con chi invita i giovani a emigrare all’estero. L’Italia è un Paese meraviglioso!”.

Sul palco Tosca D’Aquino

Il cast è davvero d’eccezione e con Tosca D’Aquino fa il salto di qualità. L’attrice tesse le lodi della collega. “Serena è minimalista, leggera, naturale. Ha un aplomb inglese. Io sono sempre le righe, specie quando faccio la comica. Lei Ariete, pronta a fare da guida; io Gemelli, più ariosa e rarefatta”. “Un sold out dietro l’altro per lo spettacolo. Lavoro molto anche per il grande schermo, e a chi mi chiede come mai i palchi siano gremiti, le sale meno, rispondo con una frase di Luca De Filippo: Il teatro non ti abbandona mai!”. “Facendo teatro, poi si può affrontare tutto il resto. È complicato. Ma molto formativo”.

Ingresso indipendente: tra escort ed equivoci

Si tratta della prima incursione nella commedia per Maurizio De Giovanni, messa in scena con la regia di Vincenzo Incenzo. L’evento teatrale chiude la stagione del Teatro Ambra Jovinelli di Roma ed è in replica fino al 13 maggio 2018. L’operazione impegna De Giovanni nella sua Napoli e non come giallista in una commedia sentimentale e degli equivoci in due atti. I ruoli principali sono affidati a due napoletane veraci e di richiamo per il grande pubblico. Sono Tosca D’Aquino e Serena Autieri. De Giovanni guarda Wilder e il cult con Jack Lemmon nel ruolo di CC Baxter, impiegato impegnato a scalare i vertici della sua azienda prestando il suo discreto appartamento da scapolo ai dirigenti della società come alcova per i loro incontri extraconiugali attratto da una carriera facile.

La trama

L’avvio di De Giovanni è lo stesso affidando l’apertura della commedia all’imbranato e balbuziente Massimo, quarantenne impiegato in un’azienda privata. E’ molto convincente nel ruolo Giovanni Scifoni. Il personaggio attende di sposarsi con la fidanzata, la moralista Valeria interpretata da una divertente Tosca D’Aquino che gigioneggia nel ruolo. La promozione, come spesso avviene in un canovaccio da commedia, tarda ad arrivare nonostante Massimo si impegni a prestare il suo appartamento con ingresso indipendente al suo capo, l’egoista Ludovico interpretato da Massimiliano Franciosa. L’appartamento serve per gli incontri con la sua amante, la procace Rosalba, ex escort di lusso, interpretata da un svestita Serena Autieri.

Tutti a tavola

La routine viene interrotta nel momento in cui Rosalba si piazza in casa del malcapitato impiegato per spingere il capo a lasciare la moglie, la raffinata Biancamaria Lelli, dopo anni di promesse non mantenute. Da qui in poi De Giovanni gioca con i cliché. Scatena infatti un gioco di equivoci e smantella le apparenze e le maschere dei personaggi. Cadranno man mano tutte nel corso di una cena tra coppie all’insegna della dissimulazione. Ognuno finge di non sapere ciò che gli altri già sanno. De Giovanni gioca bene con gli archetipi e i cliché della commedia. Infatti tratteggia in pochi precisi momenti le loro aspirazioni e il senso del proprio fallimento. Mostrando al pubblico per quello che sono in un momento di presa di coscienza.

Come in ogni commedia che si rispetti, ognuno appare diverso alla fine mostrandosi per quello che è realmente. La finzione cade e tutto vira verso il lieto fine. Non manca anche in questa commedia un tocco di surrealismo con la presenza della portiera impicciona la cui interprete è Fioretta Mari. Si ride. Ci si diverte, complice qualche dèjà vu che non guasta mai. Non si indaga necessariamente troppo nella psicologia dei personaggi. Anche per non perdere quella vena ironica che sdrammatizza nelle situazioni più complesse. Il finale riesce a mettere tutti d’accordo per la gioia del pubblico che apprezza questa storia di sesso e potere, di intrighi e combinazioni, specchio veritiero dell’Italia.

Share

Ansia e stress la cura migliore è il sesso

Proprio cosi, a quanto pare la cura migliore per combattere ansia e stress è il sesso!

Questo è quanto emerge da uno studio scozzese: il sesso può produrre benefici significativi sulla riduzione di ansia e stress,  e anche dell’ipertensione.

I ricercatori scozzesi hanno monitorato per due settimane l’attività sessuale di un gruppo di uomini e donne, volontari, dove tra loro vi erano coppie sposate, coppie occasionali ed escort. Dai dati è emerso che chi aveva avuto un’attività sessuale intensa aveva livelli di stress, ansia e ipertensione più ridotti rispetto alle coppie che avevano avuto rapporti saltuari o assenti.

Le coppie sposate, dove la confidenza e l’abitudine hanno agevolato l’atto fisico sono state quelle che hanno avuto più rapporti, ravvicinati, di minor durata, le coppie occasionali formatesi tra uomini e donne per l’occasione hanno avuto rapporti intimi molto più lunghi, fatti di tanti preliminari e sguardi per ottimizzare la conoscenza, le coppie formate tra uomini e donne escort hanno evidenziato un maggiore imbarazzo da parte maschile.

In tutte le tipologie di coppie create, si è potuto vedere lo stesso risultato, i partecipanti che hanno avuto rapporti sessuali nelle 2 settimane hanno mostrato bassi livelli di stress e una totale mancanza di ansia.

Si è anche potuto constatare che le persone che nelle due settimane non avevano avuto rapporti dimostravano la risposta allo stress più elevata del gruppo.

Una curiosità che è emersa, è un’interessante differenza tra uomini e donne: i maschi, di fronte ad eventi stressanti esterni alla coppia, reagiscono cercando nell’attività sessuale una valvola di sfogo, mentre le donne perdono completamente interesse per il sesso.

La medicina fa molti studi sul comportamento dell’uomo e se dice che il sesso è un’ottima soluzione per affrontare la quotidianità fatta di ansia e streee bisogna obbedire e fare sesso nella maniera corretta!

Questo oltre a portare un beneficio alla coppia, porta anche un beneficio psicofisico personale che si tratti di maschi o femmine.

Share