Category ArchiveApprofondimenti

Escort sensuali e provocanti, le fotografie online

Succede quando si guarda di sfuggita una foto.

Una foto provocante e sensuale, non pornografica, ma sicuramente molto erotica.

Non si tratta di scatti fatti da famosi fotografi, come Jeanloup Sieff o Helmut Newton, che con le loro fotografie sono stati rivoluzionari, dando alla comunicazione spinta del fashion system un contributo importante, ma si tratta di fotografie attraenti e sofisticate con un che di artistico, anche se non si vedono sulle pagine patinate delle riviste di moda, ma sui siti di incontri online.

Arcatoncon la sua impaginazione raffinata, elegante e mai volgare, mette in risalto una carrellata di annunci fotografici di ragazze bellissime. Escort con servizi fotografici professionali molto curati e seducenti. Lingerie, Babydoll, Reggicalze, Coulotte, tacchi a spillo, un abbigliamento sofisticato, mai banale.

Un visitatore del sito ci ha scritto un suo commento su di una foto che lo ha colpito piacevolmente, raccontandoci quest’aneddoto:

Vidi questa foto di sfuggita, la ragazza in intimo nero e calze velate con tacchi altissimi aveva una sigaretta in mano e soffiava uno sbuffo di fumo sul viso di un uomo e mi colpì moltissimo, tanto da chiedere a mia moglie, la stessa sera, di replicare quel momento. Purtroppo la sua risposta fu negativa e alquanto scocciata. Nulla da fare.

Mi tenni il desiderio fino a quando, con un pò di coraggio, non presi il telefono e chiamai la ragazza delle immagini realizzando cosi la mia fantasia. Perversione? Forse, ma era diventato, per me, un ardente desiderio da realizzare, che mi ha fatto solo bene.

La complicità nella coppia è parte della coppia stessa. Se la vostra Lei o il vostro Lui non la vede nella stessa maniera c’è sempre la fortuna e la possibilità di visitare i siti di annunci online.

Share

Il cibo che cura il sesso e stuzzica la fantasia

Fantasie sessuali, la passione vien mangiando. Bando alla dieta, almeno per una sera, e tuffiamoci insieme nei cibi che accendono l’amore.

Andate al supermercato e lasciatevi andare tra gli scaffali dei cibi prelibati per accendere il supremo desiderio: pesce, frutta, verdura e golosità, ce nè davvero per tutti i palati.

Frutta: Tra i frutti della passione citiamo la banana, che dà energie grazie al potassio e, per la sua forma, accende il desiderio nel vostro partner, che vi guarderà estasiato ad ogni morso.

L’anguria vi renderà più eccitabili e dolci, grazie al suo sapore e al profumo di questo frutto estivo.

Sensibilità genitale invece con il potere del melograno che faciliterà la circolazione sanguigna.

Verdura: Top ten per gli asparagi grazie alla vitamina E che aiuta il nostro corpo a produrre testosterone, estrogeno e progesterone che circolando nel nostro sangue, rendendo certe zone molto più sensibili.

Il peperoncino poi non darà tregua al cuore.

Golosità: Cioccolato e vaniglia si aggiudicano invece il premio hot: rilassano lo stato mentale della coppia che, dimenticando le preoccupazione della giornata, si stringeranno più volentieri luno tra le braccia dell’altro.

Pesce: Ostriche e salmone (meglio se accompagnati da un bicchiere di vino) proteggeranno il nostro organismo grazie agli Omega 3 e lo zinco.

Vegetariani meno rischio di flop

La notizia viene direttamente dalla Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana: non esiste nessuno studio scientifico che metta in relazione la dieta vegetariana con la riduzione del desiderio sessuale, né con la disfunzione erettile; una deficienza conclamata di zinco, invocata come fattore responsabile di questa sventura, non è mai stata osservata nei vegetariani”.

Per quanto riguarda il desiderio sessuale, pare che invece di quanto si potrebbe pensare i vegetariani, non evidenziano differenza significative in questo parametro tra vegani, latto-ovo-vegetariani, pescivori e carnivori.

La disfunzione erettile, invece, è correlata con la salute delle arterie e con la funzionalità dell’endotelio.

Numerosi studi scientifici dimostrano che i vegetariani hanno un rischio ridotto del 25% di sviluppare malattie cardiovascolari correlate all’arteriosclerosi; è inoltre riscontro di più studi scientifici che i vegetariani abbiano una migliore funzionalità dell’endotelio, probabilmente correlata non solo alle migliori condizioni della parete arteriosa ma anche alla ricchezza di arginina della dieta, un potente vasodilatatore, la cui produzione a livello dell’organo sessuale maschile è tra i meccanismi responsabili del suo corretto funzionamento.

La cannella è utile al sesso

Fin dall’antichità la cannella era usata per conservare le carni, gli antichi egizi la consideravano fondamentale nel processo di imbalsamazione delle salme.

Quest’uso è dovuto soprattutto alle proprietà antibatteriche e antisettiche di una spezia oggi molto diffusa nei prodotti dolciari.

Una recente ricerca svedese ne ha illustrato anche i principi antidiabetici: 3 grammi di cannella al giorno infatti, sono sufficienti a ridurre la quantità di zucchero nel sangue, agendo come l’insulina, grazie alla buona quantità di polifenolo presente nella spezia.

Ma non finisce qui perché c’è chi considera la cannella anche un potente afrodisiaco che mescolato ad altri ingredienti naturali come il rabarbaro, può stimolare la vita sessuale della coppia.

Origano, spezia afrodisiaca

Si può guarire dal torcicollo riscaldando i suoi fiori appena raccolti, anche se pensando a questa pianta, da cui deriva l’omonima spezia, la prima cosa che viene in mente è la pizza.

L’origano è ritenuto il condimento principe per i piatti dell’area mediterranea, ottimo aroma per insaporire le nostre ricette regionali.

Dell’origano però, fin dall’antichità, sono note anche le proprietà afrodisiache: è uno stimolante efficace che combatte la frigidità, regola lo stress e riattiva le ghiandole surrenali, impegnate nella produzione degli ormoni.

I fitoterapisti usano i fiori di origano anche per la stimolazione del sistema nervoso.

Thè il nuovo afrodisiaco

Il cibo afrodisiaco del nuovo millennio: il Thè. Nel dettaglio gli Intimate Teas, tè particolari che renderanno i vostri incontri erotici e amorosi ancora più piccanti.

Il My Maple Cookie e lo Screaming sono le due bevande proposte: secondo quello che la casa produttrice promette, la prima servirebbe a dare alle parti intime un profumo delizioso, così da poter garantire a chi decide di dedicarci un buon cunnilingus o una fellatio un minimo di dolcezza.

La seconda, come si deduce dal nome stesso, promette a chi lo beve di provare orgasmi indimenticabili perché sensibilizza ogni più piccola cellula del corpo.

Ovviamente nulla garantisce il perfetto funzionamento di queste bevande, a meno che qualche tester non decida di farsi avanti, ma visto il prezzo del dollaro in questo momento di crisi, vale la pena provare.

Share

Trans: la libertà di mostrarsi e di piacersi

In tanti ne parlano, ma pochi realmente conoscono la realtà che esiste dietro la parola “trans”. La transessualità è un fenomeno che fa sentire una persona appartenere a un sesso opposto rispetto a quello fisiologico.

A dispetto di quanto si possa comunemente credere, tale stato non ha una così stretta correlazione con l’omosessualità: l’omosessuale infatti si sente appartenente al proprio sesso anagrafico, ma al contempo attratto dagli appartenenti allo stesso sesso. Ben diversa è la condizione di chi è trans, e quindi non riesce a rincoscere il proprio sesso.

Statisticamente, questo particolare stato, vede una consistenza maggioranza di uomini che si sentono donna. Si tratta di uomini che cominciano un lungo percorso fatto di cure ormonali e graduali cambiamenti del proprio corpo e della propria voce: si tratta di un processo che, passo dopo passo, porta all’ultimo atto ovvero l’evirazione chirurgica. Molti transessuali però decidono di non fare quest’ultimo passo e mantengono i propri organi genitali maschili, pur avendo un aspetto ormai pressoché identico a quello di una donna.

Trans e travestiti: qual’è la differenza?

Il termine trans e travestito vanno spesso utilizzati a sproposito confondendo due tipologie di persone che il realtà sono molto diverse. Nel primo caso, come già specificato, si tratta di una persona che sta facendo un preciso percorso.

I travestiti invece, sono uomini (omosessuali o meno) a cui piace vestirsi da donna: appare chiaro come, in certe circostanze, le due figure possano coincidere. Di sicure entrambe le parti non godono di una fama particolarmente buona: in queste figure infatti, vengono spesso identificate prostitute o eccesso.

Spesso questi pregiudizi sono infondati e i trans sono persone che portano avanti una vita costellata da grandi difficoltà interiori e nel loro rapporto con gli altri e con la propria famiglia, la quale spesso e volentieri ha difficoltà ad accettare questa particolare condizione.

Alcuni personaggi eccessivi ed esibizionisti, mettono in mostra il lato “spettacolare” del mondo trans, finendo per mettere in cattiva luce le tantissime persone che portano avanti una vita normalissima e assolutamente non fuori dalle righe.

Distinguere un transessuale da una donna non è così facile come si crede…

Per movenze, linea e forme, spesso chi sta compiendo questo percorso non è distinguibile (se non per un particolare non trascurabile!) da una comune donna. I transessuali sono dotati spesso di una grande femminilità e le loro forme, che siano frutto di chirurgia estetica o di intense cure ormonali, gli consentono di apparire spesso come bellissime donne.

Molte persone però, preferiscono di fermarsi a questa loro natura transitoria, rifiutandosi di fare il salto definitivo verso il mondo femminile: evitare l’operazione di rimozione per quanto riguarda gli attributi maschili infatti, è ormai una pratica largamente accettata quella di rimanere nella condizione di “trans”, mantenendo sia l’aspetto femminile che i genitali maschili.

https://it.wikipedia.org/wiki/Transessualità 

Share

Tattoo: i posti più sexy

Tattoo sexy, il tatuaggio sul corpo femminile fa sempre un certo effetto: grandi, piccoli, colorati, in total black.

In qualsiasi modo e di qualsiasi forma questi vengano fatti l’effetto shock è sempre garantito.

Ma il tatuaggio può diventare simbolo di sensualità e bellezza?

Certo che può, tanto che il disegno che scegliamo di tatuarci sulla pelle e il punto in cui decidiamo di farlo possono essere due varianti importanti e parlare per noi esprimendo un messaggio ben preciso.

Abbiamo fatto qualche ricerca e abbiamo scoperto per voi che il luogo in cui le donne scelgono di tatuarsi per un alto tasso erotico e per stupire ed ammaliare il sesso opposto è la schiena, il sedere e il seno: non un luogo qualsiasi però, bensì un punto ben preciso che possa aiutare a focalizzare l’attenzione sul punto che abbiamo scelto.

Sono privilegiati su tutti infatti, i tatuaggi poco visibili da chi ci osserva: la scelta più amata da molti è infatti quella di creare un tatooo che sia per metà coperto dall’abbigliamento come quello vicino al seno, coperto solo per metà da costumi e reggiseno.

Uguale per il tatuaggio sulla schiena e sul fondoschiena: chi ci osserva dovrà solo vedere una parte del simbolo che abbiamo scelto perchè l’unica possibilità sarà quella di spogliarci ammirando il capolavoro top secret.

Tatuaggi: niente è più sexy

Arte, storia, e torbide vicende di sesso e criminalità, sono alla base dei moderni tatuaggi orientali.

Le origini risalgono al V secolo Avanti Cristo quando tale arte veniva praticata sia a scopo magico (alcuni disegni servivano a proteggere dai demoni), sia a scopo estetico.

E se paragoniamo i tatuaggi giapponesi a quelli occidentali, ci rendiamo subito conto della differenza che c’è alla base di questa cultura: in Occidente i tatuaggi sono disegni isolati incisi nel corpo, in Oriente, è il corpo stesso ad essere decorato grazie ad un unico disegno.

Il tutto per rispondere alle dure leggi repressive che in Giappone vietavano alla popolazione di basso rango di portare kimoni decorati.

Fu così che i tatuaggi furono vietati in Giappone, perché considerati fuorilegge.

Paradossalmente, proprio questo divieto favorì poi la loro diffusione, soprattutto in ambito criminale.

I disegni della malavita giapponese sono sempre molto elaborati, e rappresentano solitamente conflitti irrisolti, vendette da portare a termine, ma anche sensuali geishe, un motivo molto popolare nonostante fosse proibito per la sessualità esplicita che queste immagini emanavano.

Per questo motivo, i disegni più erotici venivano solitamente raffigurati all’interno del braccio o in altre parti nascoste del corpo.

Share

Professione Escort: eleganti, sensuali, curate e sempre impeccabili

Professione escort, donne eleganti, ragazze sensuali e bellissime, curate e sempre impeccabili; capelli sempre ordinati, vestiti firmati, e, naturalmente, tacchi alti e intimo sexy.

Molte ragazze italiane e tantissime straniere, est Europa e sud America,  asiatiche e nord africane… tutte splendide e accomunate da una parola: “escort”.

Lavorano appoggiandosi ai siti web di escort in tutta Europa.

Si possono vedere le fotografie, professionali, molto spesso ritoccate ad hoc, come le immagini delle migliori Top Model; testi elaborati con attenzione con parole chiave indispensabili per avere una buona indicizzazione per una visibilità maggiore.
L’offerta, in effetti, è molto vasta.

Quali sono allora queste parole chiave? Gli aggettivi si sprecano: bellissima, splendida, trasgressiva, sensuale, disponibile…

Può essere utile anche inserire le varie città in cui si è disponibili: escort Roma, escort Milano, escort Bologna e così via; molte volte si scrivono anche i propri servizi offerti, spesso andando anche sull’indelicato, come: eseguo massaggi prostatici, ho una bocca calda e voluttuosa, e altri che si possono immaginare… su molti siti web tutto è permesso o quasi.

Sicuramente ogni ragazza potrebbe raccontare molte storie, forse anche scrivere un libro, “confessioni di una escort“.

Quanti uomini in effetti, trovandosi a proprio agio con la donna dei loro sogni e dei loro desideri, si sentono al sicuro tanto da confessare i propri vizi e le proprie manie…dopotutto vi è la certezza che la ragazza che si ha di fronte sia interessata per mestiere e non per altro.

Potremmo definire un incontro con una escort una seduta terapeutica, dove ci analizziamo apertamente come fossimo in analisi da uno psicologo: in effetti con lei ci lasciamo andare completamente (con la moglie e forse neppure col migliore amico lo faremmo!).
Su di loro invece si sprecano diverse recensioni.

Recensionihot.com è un sito contenitore di molte di queste recensioni, in cui le ragazze si possono valutare attraverso le stelline che i censori danno alla escort per l’esperienza vissuta: si va da 1 stellina (deludente) a 5 stelline (eccezionale).

Già, tutti noi pensiamo solo a noi stessi, al nostro benessere e non ci chiediamo che vita fa una escort, pensiamo che venendo pagata per il tempo che ci regala siano per lei tutte rose e fiori: dopotutto, cosa fa di strano?
Beh, tanto per cominciare, ascolta tutte le nostre storie assurde, lavorative, familiari e via dicendo e se dovesse dare un consiglio, molto probabilmente non lo ascolteremmo, dopotutto lei cosa ne capisce! Una escort avrà una doppia vita, quella reale, con i propri familiari e amici, e quella con i clienti: a noi basterebbe questo per mandarci in crisi esistenziale! La escort deve essere sempre pronta, niente mal di testa o altro e oltre al rapporto fisico c’è anche chi pretende quello umano, dalla nascita della sigla GFE (girl friend experience), in sostanza, vorremmo una fidanzata che ci ascolti, ma che non dica mai di no.

Concludendo, le ragazze Escort, sono sempre disponibili ad accontentarci, a regalarci il loro tempo, a farci divertire, ma soprattutto a farci sognare per qualche minuto di vivere una vita perfetta.

Maran Giana

Share

Coppie: quando si spegne la passione

Perchè la passione si spegne?

Sembrerebbe che le cause che spengono la passione nella coppia siano la routine e l’abitudine che si crea fra due partner, destinata, nel tempo, purtroppo ad affievolirsi lasciando il posto alla noia. Secondo il Dailymail, questa non sarebbe neanche una situazione così poco comune.

Perchè le escort possono essere un buon rimedio per ritrovare la passione?

Da uno studio effettuato su oltre 3.000 coppie si è riusciti a dimostrare come l’affiatamento e la complicità sotto le lenzuola siano presto destinate ad essere solo vaghi ricordi.

Oltre il 60% delle coppie adulte intervistate ha affermato che la relazione farebbe acqua da ogni parte e il 40% starebbe addirittura pensando di lasciare l’attuale partner.

Una situazione davvero imbarazzante, tanto che le coppie intervistate avrebbero dato una scarsa sufficienza alla propria vita di coppia, un malessere che avrebbe tra le cause principali un atteggiamento meno attento nei confronti del partner o la scarsa capacità, da parte di entrambi, di voler porre rimedio alle spiacevoli situazioni che oggi la coppia affronta.

Importante anche la sfera sessuale, dove il 46% delle coppie intervistate vorrebbero il loro partner più focoso e attento alle loro esigenze introducendo magari anche un po di follia.

Il 75% delle coppie invece sembra vivere di ricordi: i bei momenti di passione e trasporto infatti, sarebbero calati in quantità e qualità rispetto all’inizio della relazione, quando la voglia di concedersi all’altro era ancora forte e ricca di sorprese.

I motivi? Tra i più quotati vi sono la mancanza di dialogo, la noia della routine e una scarsa attenzione generale ai bisogni dell’altro.

Il 18% delle coppie, nel tentativo di riaccendere la fiamma della passione, si rivolge a siti di accompagnatrici o escort, ragazze che con la loro capacità ed esperienza sono in grado di rinvigorire la fantasia sotto le lenzuola coniugali, anche senza partecipare all’atto fisico.

 

Share

Ansia e stress la cura migliore è il sesso

Proprio cosi, a quanto pare la cura migliore per combattere ansia e stress è il sesso!

Questo è quanto emerge da uno studio scozzese: il sesso può produrre benefici significativi sulla riduzione di ansia e stress,  e anche dell’ipertensione.

I ricercatori scozzesi hanno monitorato per due settimane l’attività sessuale di un gruppo di uomini e donne, volontari, dove tra loro vi erano coppie sposate, coppie occasionali ed escort. Dai dati è emerso che chi aveva avuto un’attività sessuale intensa aveva livelli di stress, ansia e ipertensione più ridotti rispetto alle coppie che avevano avuto rapporti saltuari o assenti.

Le coppie sposate, dove la confidenza e l’abitudine hanno agevolato l’atto fisico sono state quelle che hanno avuto più rapporti, ravvicinati, di minor durata, le coppie occasionali formatesi tra uomini e donne per l’occasione hanno avuto rapporti intimi molto più lunghi, fatti di tanti preliminari e sguardi per ottimizzare la conoscenza, le coppie formate tra uomini e donne escort hanno evidenziato un maggiore imbarazzo da parte maschile.

In tutte le tipologie di coppie create, si è potuto vedere lo stesso risultato, i partecipanti che hanno avuto rapporti sessuali nelle 2 settimane hanno mostrato bassi livelli di stress e una totale mancanza di ansia.

Si è anche potuto constatare che le persone che nelle due settimane non avevano avuto rapporti dimostravano la risposta allo stress più elevata del gruppo.

Una curiosità che è emersa, è un’interessante differenza tra uomini e donne: i maschi, di fronte ad eventi stressanti esterni alla coppia, reagiscono cercando nell’attività sessuale una valvola di sfogo, mentre le donne perdono completamente interesse per il sesso.

La medicina fa molti studi sul comportamento dell’uomo e se dice che il sesso è un’ottima soluzione per affrontare la quotidianità fatta di ansia e streee bisogna obbedire e fare sesso nella maniera corretta!

Questo oltre a portare un beneficio alla coppia, porta anche un beneficio psicofisico personale che si tratti di maschi o femmine.

Share

Uomini e sesso: un binomio cerebrale

Che siano felicemente sposati, felicemente fidanzati o comunque impegnati: non c’è niente che possa dissuadere un uomo dal guardare una bella donna.

Gelose? Certo, è perfettamente normale e lecito, ma quello che gli scienziati hanno voluto dire a tutte le donne del mondo con questa ricerca è molto semplice, cioè: non prendetevela troppo, non è colpa loro, ma della loro natura.

Alcuni ricercatori dei Paesi Bassi hanno condotto una ricerca molto particolare e interessante: ogni uomo è stato sottoposto a degli stimoli fotografici (belle donne più o meno vestite)  analizzando gli effetti sul loro cervello, mentre nel frattempo ad ognuno di loro veniva richiesto di svolgere dei semplici compiti.

Ebbene, durante lo studio tutti gli uomini hanno rallentato le loro azioni o le hanno interrotte per guardare la donna che veniva mostrata loro, dimenticando per un momento (alcuni anche per più tempo) che cosa era stato loro richiesto.

Per curiosità vi diciamo che lo stesso esperimento è stato poi condotto sulle donne con diversi risultati completamente opposti.

Ma cosa succede al cervello dell’uomo durante il sesso?

Il cervello dell’uomo, durante il sesso, è un oceano di misteriosi cambiamenti che organizzano l’azione, i pensieri, le emozioni e la prestazione sessuale. In altre parole, quello che si riassume comunemente nell’espressione “essere all’altezza”, che diventa un processo complicato.

Non è certamente un segreto che gli uomini siano di solito preoccupati della misura o della forma del proprio pene. Bisogna anche sottolineare come tale organo abbia sempre occupato una posizione di rilievo sia nella mente maschile sia in quella femminile.

Nonostante quanto possano pensare i maschi riguardo al loro pene, la misura è ciò che conta meno per la prestazione sessuale. Un’altra cosa che spesso le donne ignorano è che anche gli uomini provano inibizione al momento di mostrare il proprio corpo ed i propri genitali.

Si preoccupano di cosa potrebbe pensare il partner (sessuale o di vita), temendo inoltre di deluderlo/a a causa della grandezza del proprio pene, dell’aspetto fisico o con il proprio comportamento sessuale.

Smontare falsi miti riguardo all’organo maschile

Anche se la maggior parte degli uomini desidererebbe avere un pene più grande, l’85% delle donne risulta soddisfatto della misure del proprio partner. L’errore sta nella cultura, che ha presupposto una misura e potenza sessuale sempre maggiore (questo non solo è erroneo, ma anche privo di necessità).

Le donne, infatti, dichiarano di sentirsi maggiormente attratte da altri aspetti fisici, dagli occhi fino ai muscoli, passando per il sorriso o la forma della mandibola. Significa che, attenendoci al parere femminile, le misure non sono la cosa più importante.

La maggior parte degli uomini, inoltre, non dovrebbe provare insicurezza riguardo alle dimensioni del proprio pene, dato che la lunghezza risulta in media ben maggiore di quella necessaria all’interno della vagina della donna.

Il pene con il pilota automatico

Ogni uomo conosce la capacità del proprio pene di attirare su di sé l’attenzione senza alcun impulso cerebrale cosciente, ossia di agire di volontà propria. Chi più, chi meno, tutti sono stati “vittima” di un’erezione involontaria.

Le erezioni involontarie si differenziano dalla vera eccitazione sessuale, dato che si producono da segnali inconsapevoli del cervello e del midollo spinale, non invece dal desiderio cosciente di avere un rapporto sessuale.
Dovete sapere che la vera responsabilità dell’attivazione sessuale ricade sui ricettori del testosterone, che si trovano nel midollo spinale, nei testicoli, nel pene e nel cervello, incaricandosi di attivare l’intero sistema riproduttivo maschile.

A molte donne sorprende che il pene possa funzionare con il pilota automatico e che le erezioni non si possano sempre controllare.

Il cervello durante la vera eccitazione sessuale

Contrariamente a quanto si possa pensare, la vera eccitazione maschile non inizia dal pene, ma dalla mente, generata da immagini o pensieri erotici. Ciò significa che, affinché il processo abbia inizio, il cervello deve trasmettere in modo cosciente un’informazione emotiva e sessuale rilevante.

Questo si ottiene grazie all’azione del testosterone, che incrementa l’interesse sessuale e attiva i muscoli pertinenti per aumentare il rendimento. Così, quando un uomo si sente sessualmente predisposto, ottiene che la propria corteccia visiva invii un messaggio all’ipotalamo affinché metta in marcia i motori ormonali dell’erezione. Per tale ragione, un’immagine mentale o fisica ad alto contenuto sessuale riesce ad accendere il centro cerebrale del piacere, il nucleo accumbens. In tal modo, si crea un’aspettativa che favorisce il rapporto.

In questo modo, l’attivazione cerebrale viene potenziata dal contatto fisico, che in un contesto di eccitamento provoca tremiti sessuali che attraversano corpo e cervello.

Così, durante il rapporto, non solo possiamo osservare come l’ipotalamo invii sangue al pene, ma anche come l’attivazione dei circuiti del lobo frontale permetta all’uomo di prestare attenzione all’opportunità sessuale.

Il cervello dell’uomo durante l’orgasmo

Tale disposizione permette al maschio di concentrarsi sulla “terra promessa”: il suo cervello vedrà la luce verde del semaforo e premerà sull’acceleratore. È un momento in cui le altre zone cerebrali passano in ombra, per evitare distrazioni e procedere alla penetrazione con una soave spinta, mentre l’aria viene inalata rapidamente per alleggerire la tensione sessuale.

Esattamente come succede nel cervello femminile, gli uomini tendono a “disconnettere” alcune zone del proprio cervello durante il rapporto sessuale. Sia il centro di allerta e pericolo (l’amigdala) sia quello della preoccupazione (corteccia cingolata anteriore), in tale momento devono essere “spenti” per poter approfittare appieno del sesso.

Una volta ottenuto tutto ciò, il cervello sarà in grado di inviare il sangue ai genitali e di favorire l’allineamento delle sue stelle neurochimiche. Questo farà sì che l’eccitamento dell’uomo arrivi a quel punto di non ritorno in cui può solo andare al massimo, raggiungendo il climax.

Nei momenti di massima eccitazione, il cervello maschile si inonda di norepinefrina, dopamina e ossitocina. Ciò attiva la zona cerebrale del piacere intenso (l’area tegmentale ventrale) e quella dell’inibizione del dolore (la sostanza grigia periacqueduttale).

Grazie a tutti questi cambiamenti, l’uomo potrà raggiungere il climax e godere pienamente del contatto sessuale. Ciò nonostante, bisogna sottolineare evita di comportarsi come un cavallo a briglie sciolte richieda un grande autocontrollo e una forte crescita emotiva da parte dell’uomo, caratteristiche che si ottengono grazie a un duro lavoro interiore di cui le donne molte volte non sono a conoscenza.

Fonte lamenteemeravigliosa.it

Share

Ad Aversa la Prima sposa Trans

Si chiama Alessia Cinquegrana e, pur non essendosi sottoposta a nessun intervento chirurgico, le è stato riconosciuto ufficialmente il cambio di sesso, come certificato dal documento d’identità: Stiamo parlando della prima sposa trans d’Italia. Dopo 11 anni di vita insieme, Alessia è felicemente convolata a nozze con il compagno di vecchia data, realizzando un sogno che, solo fino a qualche anno fa, sarebbe stato impensabile realizzare nel nostro paese.

A darne l’annuncio è stata l’Associazione trans Napoli, che ha comunicato come il giorno 27 aprile alle ore 12 ad Aversa, la coppia si è di fatto legata nel vincolo del matrimonio. Si tratta della prima cerimonia in Italia di questo genere e farà molto probabilmente da apripista per quanto riguarda i diritti affettivi dei trans.

Da Miss Trans a prima sposa trans d’Italia

Alessia, in passato è stata anche Miss Trans, durante il lungo percorso che ha poi portato al matrimonio è stata seguita da Loredana Rossi, la fondatrice della suddetta associazione che ha affermato “È la prima donna in Italia che, dopo aver avuto la riattribuzione di sesso senza doversi sottoporre all’intervento demolitivo, può felicemente coronare il suo sogno d’amore e unirsi in matrimonio con Michele Picone, dopo 11 anni di vita insieme. Una favola a lieto fine”.

Anche l’attuale presidente dell’Associazione trans Napoli, Ileana Capurro, ha voluto esprimersi sulla vicenda “Il matrimonio della nostra iscritta rappresenta un momento importante della storia della comunità transessuale e un cambiamento atteso da anni da tutte quelle persone transessuali che, non potendo o volendo sottoporsi alla pratica del “bisturi per forza” richiesta in passato, venivano private dei loro diritti civili. Una violenza. Oggi, anche grazie agli interventi giurisprudenziali, è stato raggiunto un concreto traguardo di totale equiparazione e finalmente le persone transessuali, da noi sostenute possono liberamente scegliere il percorso più adeguato quindi, anche senza intervento demolitivo ricostruttivo, per ottenere la rettifica del genere ed il cambio del nome all’ufficio di stato civile”.

https://youtu.be/YSXqdTKmkOI

Arcaton Trans

Arcaton dedica una sezione specifica alla categoria Trans, dando cosi al visitarore del sito un’ ampia scelta divisa tra le città presenti con gli annunci fotografici. Molti uomini eterosessuali preferiscono un incontro con una trans invece che con una donna, perchè la complicità erotica che si viene a creare è totale e piacevole.

Facciamo chiarezza: la sostanziale differenza tra unione civile e matrimonio

Un evento epocale, in quanto non si tratta di un’unione civile (con le modalità descritte dalla recente legge Cirinnà) ma di una vera e propria cerimonia, effettuata con rito civile, che ha visto in tutto e per tutto seguire la procedura di un comune matrimonio. Anche sul piano legale, la differenza tra i due tipi di “unione” è piuttosto marcata: l’unione civile non contempla una serie di aspetti formali solitamente legati al matrimonio (come la cerimonia), risultando un qualcosa di più “freddo” e privo di quella solennità che solitamente accompagna i matrimoni.

Se la legge Cirinnà, approvata dopo una lotta estenuante, si è poi rivelata (perlomeno nei numeri) meno applicata del previsto, il primo matrimonio di una trans potrebbe effettivamente aprire nuove frontiere e favorire la realizzazione dei sogni di molte coppie, sino a questo momento limitati da leggi e burocrazia.

Share

Il piacere sessuale: l’appagamento di un desiderio

Piacere?

La Treccani recita: Senso di viva soddisfazione che deriva dall’appagamento di desideri, fisici o spirituali, o di aspirazioni di vario genere: mangiare, bere con p.; sentire, provare, avere p. di qualche cosa[….]

http://www.treccani.it/enciclopedia/piacere/

Vero. Ma se ci impegniamo a riflettere bene possiamo notare delle piccole sfumature che, come dire, anticipano o completano il piacere.

Facciamo un esempio pratico:

Prima uscita ufficiale con la ragazza o il ragazzo appena conosciuto/a e di cui proviamo già un sentimento profondo.

L’appagamento del desiderio di uscire a cena o di andare al cinema non è forse pari al piacere che si prova nei momenti che precedono l’incontro?

La vestizione, la ricercatezza del particolare che possa renderci più desiderabili, la scelta del profumo etc… Non sono forse momenti di pura felicità, di piacere?

Perfino quella ansia accompagnata da batticuore a mille non è forse piacevole? Si, è piacere allo stesso modo.

Quando andiamo allo stadio a vedere la nostra squadra del cuore non è bellissimo tutto ciò che precede il fischio di inizio?

L’avvicinamento allo stadio, i cori, i colori, anche il panino con la salamella diventa un piacere che ci accompagna verso la partita.

Un incontro speciale, un momento dedicato a noi stessi, partendo dalla semplice telefonata ad una ragazza, magari bellissima, vista su qualche sito di annunci fotografici, una splendida escort su cui abbiamo fantasticato in tutti i modi.

Non proviamo un senso di piacere profondo quando si materializza la voce nel telefono? Piacere, gioia ed emozione.

E poi la voglia di vedere se quella persona che ci apparirà davanti sarà proprio come l’abbiamo vista in foto, come l’abbiamo immaginata nella nostra testa e la voglia di realizzare la nostra fantasia.

Piacere. Piacere allo stato puro.

L’uomo da sempre ha cercato di dare un significato alle parole e di usare parole per definire concetti o stati d’animo. E’ giusto ma non sempre si riesce ad esprimere con poche parole quelli che sono i desideri, le emozioni o le aspettative che proviamo.

Quale tipo di donna è capace di capire l’uomo in tutte le sue sfaccettature? La donna ideale, che però è difficile da trovare. La escort è il concetto di donna sempre disponibile e desiderosa di accontentare le voglie dell’uomo, di assecondare il desiderio e di renderlo reale.

Il desiderio più bello non lo troviamo in una stella cadente, il desiderio più bello è il sogno che portiamo ognuno di noi dentro al cuore.

Ognuno dovrebbe cercare di dare più spazio a tutto ciò che contorna i bei momenti (il piacere appunto) rendendoli più intensi e vividi.

Accompagnare il ricordo, ad esempio di una splendida serata, di un incontro piccante, di una cena perfetta, una bella mangiata, varrà molto di più se ci sforzeremo di ricordare se al convivio erano presenti persone che ci hanno fatto stare bene e quindi raddoppiando il piacere di ciò che abbiamo gustato.

Anche il ricordo di un buon vino sarà più intenso se riusciremo a ricordarne anche il profumo e non solo il gusto.

Sforziamoci quindi di dare ai nostri “piaceri” una cornice degna di essi.

Ne godremo molto di più.

Share